Luca Panciroli

Luca Panciroli dopo il liceo artistico e sei mesi all’Accademia delle Belle Arti di Firenze, frequenta l’Istituto Europeo di Design a Milano, specializzandosi in illustrazione pubblicitaria, layout e fumetti.
Nei primi anni novanta decide di partecipare al concorso nazionale per giovani autori di fumetti a Prato, arrivando terzo al premio Pierlambicchi. Grazie a questo cominciano ad arrivare le prime proposte.
Pubblica alcune storie brevi sulla prozine Schizzo edita dal Centro Fumetto Andrea Pazienza di Cremona, e collabora con un’agenzia pubblicitaria di Firenze.
Esordisce nell’editoria indipendente a fumetti con Lenin (Marco Editore). Su testi di Marco Innocenti, realizza le avventure di Solo, pubblicate sui numeri 4 e 5 della prima serie di Lenin.
Inizia la sua avventura nel mondo dei fumetti a livello professionale con i primi dieci numeri di Erinni di Ade Capone, di cui è anche character design e grafico.Tre
mesi dopo sempre con Ade Capone realizzerà a più mani il numero speciale di Lazarus Ledd, Il potere del talismano pubblicato nel 1998.
Dopo un periodo sabbatico durato diciassette anni, durante il quale non ha disegnato nemmeno una “O” col bicchiere, rientra nel mondo del fumetto del tutto casualmente, disegnando la copertina del secondo numero della ristampa di Erinni edita da Editoriale Cosmo.
Riapparso sui radar, Pietro Gandolfi lo contatta per realizzare una storia breve per l’albo antologico BLOODBATH, e poi lo invita a collaborare attivamente su The Noise, sostituendo Nicola Genzianella all’interno della serie.
Nel frattempo il progetto Winterdeth, con Alessio Landi, prende forma e viene trovato un editore, la Noise Press.
Con la nascita dell’etichetta Midian Comics, Pietro Gandolfi gli affida The Fiend, una serie horror supereroistica scritta sempre dallo stesso Gandolfi.
A questo punto anche Massimo Rosi si interessa al lavoro di Panciroli, affidandogli la miniserie Dark Frontier, per Weird Books in italia, Red Dragon Publisher in Brasile e Caliber Comics per gli Stati Uniti.
Panciroli continua a collaborare con Rosi e Landi su altri progetti in via di realizzazione come il volume King Conan ispirato ai lavori di Robert E. Howard.
Alessio Landi, Massimo Rosi, Pietro Gandolfi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *